Rentrée de l'AIAPA avec Ferrante Ferranti le 30 sept. au Château de Lourmarin... Les inscriptions aux cours continuent (voir site: nos cours...)

Vous êtes ici :   Accueil » HABEMUS PAPAM..!
 
Prévisualiser...  Imprimer...  Imprimer la page...
Prévisualiser...  Imprimer...  Imprimer la section...
Activités
 ↑  
Voyages
Rubriques
Saveurs
HABEMUS PAPAM...HABEMUS FRANCISCUS...
Habemus Papam !


IF.gifNon so neppure se e quanto io lo attendessi.
In un certo qual senso il mio orologio si è fermato il 28 febbraio alle ore 20, il mio sguardo sul portone di Castel Gandolfo, mentre i miei pensieri serali sono andati per giorni a Benedetto XVI.
Stanca da questo ultimo tour de force italico, credo di aver dimenticato o almeno messo da parte ogni considerazione, elucubrazione, attesa, di ordine ecclesiastico.
Eppure ieri dando via al mio chemin de croix, (perché il ritorno in treno è una vera via crucis) avevo ben in mente che, mentre io intraprendevo il mio ritorno all’ovile…(la Bergerie mi attendeva), il conclave si riuniva per darci un nuovo Papa…. e tra pecorelle ci si intende.
Chiusi fuori dal mondo i cardinali, rinchiusa in mezzo a viaggiatori io, porte e sportelli si sono sprangati alle nostre spalle.
L’attesa del nuovo Papa era abbastanza lontana dai miei pensieri, un po’ perché intristita dalla partenza di Benedetto, un po’ perché non volevo pensare al futuro successore e il toto-papa non mi entusiasmava certo.
Nessuna voglia di uomini di potere, di figure che rinviano immagine di opulenza, di corte, di curia…Meglio non pensarci!
E infatti presa dal turbinio che ha sconvolto le mie giornate, sradicato alberi e mi ha fatto perdere cognizioni di spazio e di tempo mi sono ritrovata all’annuncio dell’Habemus Papam quasi senza accorgermene.
Terrorizzata all’idea del volto che sarebbe potuto apparire sullo schermo TV, ho cercato prima conferme e rassicurazioni sullo schermo del computer.
Un volto sconosciuto e un nome misto dalla musicalità sudamericana ma con le radici delle terre di CV e quel che non guasta un nome forte di Papa.
Un tocco d’italianità, per le sue origini (cosa che non mi dispiace) e allo stesso tempo una ventata di novità con questo continente mai giunto al soglio papale e un nome che mi è caro e che invia un messaggio chiaro, forte, deciso.
Habemus Papam!
Habemus Franciscus!
Un discorso breve, sentito, sincero, accattivante con l’invito a una preghiera, tutti insieme, per Benedetto.
Momento di grazia, profondo, di grande emozione.
In diretta da Roma, V.O. nel mio idioma.
Peccato che me la trasmettesse TF1 dove la voce fuori campo della giornalista? presentatrice? traduttrice? ha pensato bene di fare sfoggio della sua abilità di poliglotta lanciandosi in una traduzione in francese delle brevi frasi del neo Papa e poi non contenta traducendo anche il Padre Nostro, l’ave Maria…
A parte il fatto che personalmente non vedo la necessità di tradurre le preghiere, in realtà non ve ne era nessuna necessità, esigenza, né bisogno  e potevano benissimo restare nella versione italiana, se proprio però voleva farlo, avrebbe potuto offrire agli ascoltatori qualcosa di più professionale, originale e decoroso.
Queste preghiere esistono in tutte le lingue in versioni conosciute e riconosciute dai fedeli cattolici del mondo intero, e non vi era nessun bisogno che la presentatrice ce ne offrisse una versione rivista, corretta, sui generis e mal tradotta.
Se a lei nessuno ha insegnato queste preghiere, nulla di grave…viviamo nella libera e laica Francia, e soprattutto, come lo ripeto, non era necessario per la comprensione che le orazioni fossero tradotte, Quello che era doveroso invece è che fossero risparmiate traduzioni folcloristiche!
L’incauta ha continuato imperterrita tra Padre nostro e Ave Maria fintanto che il latino non ha rimesso i puntini sulle i, vendicando la sua smania di protagonismo e chiudendole la bocca che non trovava più le parole…
Quousque tandem…abutere patientia nostra?
Troppo sicuramente…
Habemus Papam!
Habemus Franciscus!
Santo Francesco! Santo e uomo senza eguali…e un nome che abbiamo in famiglia anche se in seconda posizione, come middle name,ma …questa è sempre un’altra storia…
Questo Papa così a pelle e a prima vista mi piace proprio!
L’unica cosa che mi lascia, un attimo perplessa, è la sua appartenenza all’ordine gesuita…non posso non pensare a babbo e a una delle sue celebri affermazioni relative agli appartenenti alla Compagnia del Gesù… “per i Gesuiti vien prima la Compagnia, e poi il Gesù” soleva ripetere…mi auguro che il nostro nuovo Papa releghi la compagnia in seconda posizione.
Comunque so per certo che il mio amico che frequenta le Curie e che si era detto pronto ad abiurare, a seconda dei risultati, (temuti da lui come da me) ha tirato un sospiro di sollievo e per il momento non si fa protestante…per le proteste…basto io!

Date de création : 02/04/2013 @ 11:15
Dernière modification : 02/02/2014 @ 18:50
Catégorie : Rubriques - Diario
Page lue 2267 fois


Réactions à cet article

Personne n'a encore laissé de commentaire.
Soyez donc le premier !

Lettre d'information
Pour avoir des nouvelles de ce site, inscrivez-vous à notre Newsletter.
cMRfZP
Recopier le code :
43 Abonnés
Le régard de F. Ferranti
Calendrier
 
 
Prévisualiser...  Imprimer...  Imprimer la page...
Prévisualiser...  Imprimer...  Imprimer la section...